News

Busnago, solidarietà e gratuità

Busnago, solidarietà e gratuità

BUSNAGO 12 FEBBRAIO 2019   – “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Mt 10,8). Le parole del Vangelo riprese nel messaggio del Santo Padre in occasione della XXVII Giornata Mondiale del Malato, celebrata l’11 febbraio a Calcutta,  sono le medesime che hanno animato il pomeriggio speciale, organizzato in concomitanza, presso la Casa Famiglia di Busnago.

Per la circostanza è stato ospite della Casa Famiglia Sua Eccellenza Monsignor Serafino Spreafico che ha celebrato una Santa Messa solenne insieme al parroco di Busnago don Eugenio, animata da residenti, volontari e famigliari della struttura socio sanitaria del Gruppo Fondazione Mantovani Sodalitas. Alla giornata infine hanno preso parte alcuni componenti del Coro Sant’Anna di Busnago.

La Giornata del Malato  ha offerto così l’opportunità a tutti i presenti di riflettere sulla professionalità e la dedizione con cui ogni giorno gli operatori impegnati in Casa Famiglia sono chiamati a svolgere il loro servizio accanto alle persone più fragili. Riprendendo dunque le parole di Papa Francesco che nella sua lettera rimarca “l’importanza di contrapporre alla cultura dello scarto e dell’indifferenza, il dono inteso come paradigma in grado di sfidare l’individualismo e la frammentazione della società contemporanea”.

Contestualmente, la Giornata del Malato  è stata l’occasione per porre l’accento sul ruolo del volontariato, inteso servizio di gratuità, ancor più indispensabile all’interno del mondo socio sanitario, e come modello d’integrazione e interazione dentro alle nostre comunità.

E’ questo lo spirito che anima nel quotidiano l’azione del Gruppo Fondazione Mantovani Sodalitas secondo il ‘Progetto Vita’, che procede nel solco della cooperazione e creando quegli spazi di relazione che costituiscono la vera essenza della solidarietà umana. Perché la cura dei malati, necessita di professionalità, ma più ancora deve passare dal considerare la persona, a tutte le età e in sua ogni condizione,  come un unicum irripetibile da valorizzare al meglio.